Negli anni ‘90, unendo le loro capacità e gli intenti comuni, costituirono la Società TECNO CAR OSTIGLIA.  Fu così che Marco si trasferì, con la sua famiglia, nella sede della nuova attività produttiva, dove si iniziò a costruire i cassoni ribaltabili “Andreoli”.

La stretta collaborazione tra i due soci era basata sulla fiducia e il reciproco rispetto. Le nuove idee non mancavano mai e si trasformavano in prodotti sempre più innovativi e adattabili alle diverse esigenze del mercato italiano.

Marco coltivò in questi anni una notevole esperienza e competenza in questo settore e, sulla base delle numerose problematiche che quotidianamente riscontrava nelle tradizionali casse saldate, ebbe l’idea di progettare qualcosa di diverso: un cassone ribaltabile facile da costruire, facile da montare, pratico nella manutenzione e nel trasporto ma robusto e affidabile allo stesso tempo.

Le innumerevoli ore trascorse dopo il lavoro a progettare, fare, disfare e modificare, oltre alla determinazione e alla tenacia nel portare a termine questo progetto,  trasformarono presto l’idea in un prototipo.